Ciaspolata: la magia della neve step by step

Condividi su Facebook

Salute e benessere
Pubblicato il 28-11-2019 da Redazione
ciaspolata
Una ciaspolata consente di bruciare fino al 25% in più di una normale camminata: allontana lo stress e fa bene a glutei, spalle, quadricipiti e tricipiti.

Per cogliere a fondo la magia di una ciaspolata probabilmente bisogna provarla.

Quest'attività, in effetti molto antica, è tornata di moda per via delle numerose escursioni dedicate a chi vuole provare altro oltre lo sci durante una settimana bianca oppure, semplicemente, non ha dimestichezza con gli sport invernali.

In questo articolo proveremo a sintetizzare tutti i benefici, sia fisici che mentali, derivanti da lunghe passeggiate sulla neve fresca con le ciaspole.

Ciaspolata: un'ottima attività per rimanere in forma

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Nerinka Quadrelli (@nerinka) in data:

Diciamo subito che la ciaspolata è un'ottima attività per mantenersi in forma che, peraltro, non ha le controindicazioni insite in altri sport invernali.

Dei benefici dello sci abbiamo già parlato in un precedente articolo, ma è per vero che è più facile farsi male.

Il tutto senza considerare che questo sport è totalmente sconsigliato per chi ha subito gravi incidenti o soffre di problematiche ai legamenti o alle articolazioni solo per fare qualche esempio.

La ciaspolata è invece uno sport al 100% sicuro, che consente di bruciare molte più calorie rispetto a chi scia o cammina normalmente, allenando in maniera uniforme tutti i muscoli delle gambe e dei glutei.

Quante calorie si bruciano con una ciaspolata?

Ciaspolando si bruciano il 25% di calorie in più rispetto ad una normale camminata.

Procedendo ad una velocità di circa 4km orari, in un terreno collinare, si possono bruciare fino a 1.000 kcal in un'ora.

Ciaspolare: aria pura, silenzio e tanti benefici

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Alessandro (@a13garp) in data:

Ciaspolare fa bene al corpo ma, soprattutto, alla mente.

Quest'attività consente di vivere la montagna lentamente, di respirare aria pura a pieni polmoni, di concentrarsi sulle piccole meraviglie del paesaggio e di allontanare lo stress della quotidianità fermandosi ad ascoltare i lievi rumori della natura.

È un'attività lenta e meditativa, non un vero e proprio sport, in grado di donare intensi benefici psicofisici.

Ciaspolare, insomma, fa bene al corpo e all'anima: ecco alcuni dei benefici più interessanti

  • Fa bene al cuore
  • Modella i quadricipiti
  • Tiene in allenamento busto, spalle e tricipiti (Grazie ai bastoncini)
  • Consente di respirare aria pura
  • Migliora l'umore
  • Consente di entrare in contatto con la natura
  • Allontana lo stress

Ti piace camminare? Il barefoot è un'altra attività che potrebbe fare al caso tuo.

Abbigliamento per ciaspolata: come ci si deve vestire?

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ????Iaia ®??????????? (@iaiasala) in data:

Il bello della ciaspolata è anche nell'abbigliamento: per praticarla servono solo le racchette da neve recuperabili in una delle sicuramente numerose attività di noleggio ciaspole disseminate nei dintorni dei percorsi.

Come abbiamo già detto, del resto, si tratta di un'attività di gran moda negli ultimi anni.

Sono inoltre necessari scarponcini comodi, sicuramente impermeabili, dotati di ghette per evitare che la neve entri all'interno e, volevo esagerare, dei pantaloni per ciaspole. 

Insomma: il classico abbigliamento tecnico invernale da montagna.

Un buon consiglio, infine, è quello di vestirsi a cipolla perché ciaspolare può essere molto faticoso.

Ci si spoglia quando l'attività è al massimo dell'intensità e ci si riveste quando il vento comincia a diventare pungente.

Un paio di occhiali e un cappello o un passamontagna serviranno a proteggerti, all'occorrenza, dal sole e dal vento.

Da non dimenticare, ovviamente, una barretta di cioccolata per i cali di zucchero, un po' d'acqua e gli indispensabilissimi guanti, meglio se in goro-tex.

Dopo una ciaspolata, tra sole, vento e freddo, la pelle sarà messa a dura prova: ti consigliamo al proposito uno skin care invernale

Il più green tra gli sport invernali

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ???????????????????? ???????????????????? (@her.oregon.life) in data:

Tra gli sport invernali è la camminata con ciaspole la più green. Lo sci è una passione che accomuna molti anche se, purtroppo, non è tutto oro ciò che luccica.

La neve sparata è piuttosto inquinante, gli impianti si inseriscono in maniera invasiva nel territorio, la piste sono sempre luoghi molto affollati dove non è raro vedere chi getta rifiuti qua e là.

Nella ciaspolata tutto questo viene meno: quest'attività si può infatti praticare nei luoghi lontani dal caos, non attrezzati, isolati, tranquilli e in grado di rimetterti in contatto con la natura.

È così che la camminata con le ciaspole diventa un viaggio interiore, una camminata per riscoprire il proprio io interiore.

Ciaspolata notturna

Prendete tutti i benefici sopra elencati e moltiplicateli all'infinito, avrete ottenuto una vaga idea delle emozioni che possono pervadere il camminatore in notturna.

Ammirare la via lattea dalla cima di un monte innevato e lievemente illuminato soltanto dalla luna, il silenzio estremo della notte, il calore del corpo che sfida il freddo della notte: è solo un assaggio di cosa potrebbe essere una ciaspolata notturna.

Se nel vostro albergo ne organizzano una è senz'altro un'occasione da prendere al volo.

Fate attenzione però, se non siete esperti non vi avventurate da soli in una ciaspolata notturna: la montagna senza sole può essere molto pericolosa. 

 

Leggi anche



Il mare d'inverno: due interpretazioni all'insegna del benessere

Che si tratti di vacanze ai tropici quando in Italia fa freddo o di respirare iodio alle nostre latitudini il benessere è assicurato. In questo articolo ti spieghiamo perché


copertina

I 10 sport estremi più amati dagli irriducibili del rischio

Aria, acqua, neve... c'è l'imbarazzo della scelta: bastano un po' di coraggio e la voglia di sfidare i propri limiti


copertina

Frutta e verdura: quanta mangiarne per vivere sani e belli

La formula del British Medical Journal che ha unito le 16 ricerche più importanti del settore